Anni verdi

Anni verdi

Alcune forme di insalata sono state consumate per secoli, originariamente costituite principalmente da cavoli e ortaggi a radice, aromatizzati con aceto, oli ed erbe. Gli antichi greci credevano che le verdure verdi crude promuovessero una buona digestione e i romani erano d’accordo. Le prime registrazioni di lattuga risalgono al VI secolo a.C. sebbene somigliasse poco alle nostre attuali varietà.

Le insalate hanno fatto molta strada dalla versione pedonale di lattuga, pomodoro e cetriolo. Oggi non c’è fine alle centinaia di varietà, ingredienti e condimenti disponibili per la nostra nazione pazza di insalata. Negli anni ’20, arrivarono alla grande, quando gli chef del ristorante crearono Cesare, Chef, Cobb e macedonie. Verdure e frutta in scatola sono diventati più disponibili e sono stati gettati nel mix, permettendo agli americani di mangiare insalate tutto l’anno. L’aceto e l’olio semplici hanno lasciato spazio a condimenti in bottiglia e maionese, aprendo la strada a “insalate rilegate”. Sembra un po ‘stravagante, ma questa categoria include alcuni dei nostri preferiti: insalata di tonno, insalata di pollo, insalata di uova, insalata di prosciutto, gamberi e insalata di granchio. Il pollo arrivò per primo, presentandosi nei libri di cucina della metà del 1800, molto più tardi con l’avvento del tonno in scatola. Alla fine degli anni ’30, lo spam rese facile l’insalata di prosciutto e l’insalata di uova era naturale. Con l’introduzione della gelatina Jello, le insalate modellate hanno preso il loro posto colorato a qualsiasi pranzo.

Il ristorante Robert Cobb ha creato l’insalata che porta il suo nome nel suo ristorante Brown Derby a Hollywood; l’insalata dello chef ha debuttato al Ritz Carlton di New York e originariamente includeva la lingua di bue affettata con prosciutto e formaggio. (Misericordiosamente, negli anni successivi, il tacchino o il pollo hanno sostituito la lingua di bue.) All’inizio di Hollywood, l’insalata di Cesare era abbracciata dalle stelle, che sgranocchiavano felicemente questa insalata alla moda in alcuni dei loro ristoranti preferiti. Il creatore, Caesar Cardini, alla fine imbottiglia e vendette il suo marchio di abbigliamento nella zona di Los Angeles. Un ristorante preferito a Chicago, il Blackhawk, presentava la loro “insalatina rotante” firmata insieme ad ogni antipasto del menu, servito a tavola.

Gli chef francesi hanno preparato la vinaigrette condita con olio, erbe, scalogno tritato e paprika, nel corso del 1800. Quelli di salsa di pomodoro aggiunti particolarmente avventurosi, che divenne la base per il classico condimento francese. Kraft Foods, nel 1939, introdusse la sua versione popolare, di colore arancione. I boomer ricordano che è piovigginato con la lattuga iceberg. Miracle Whip è apparso nello stesso periodo, etichettato come condimento per l’insalata ma principalmente usato per tenere insieme carne tritata, pollo o uova per un gustoso ripieno di sandwich. Negli anni 1920, il condimento della dea verde è stato creato in un ristorante di San Francisco in onore di una commedia con lo stesso nome. (Meno male che Death of a Salesman non ha debuttato nello stesso anno.)

L’America coloniale coltivava lattuga nei loro orti domestici, insieme a cavoli, fagioli e ortaggi a radice. Un cibo delicato di stagione, era apprezzato solo d’estate e non disponibile tutto l’anno fino al 20 ° secolo, quando la California cresceva e distribuiva lattuga a livello nazionale.

Man mano che gli americani sviluppavano gusti più sofisticati, la tradizionale lattuga iceberg ha fatto da sfondo a Romaine, rucola, indivia, radicchio e verdure di campo. Inizialmente queste varietà erano considerate verdi per l’elite a causa del prezzo e della deperibilità. Di recente, insalate retrò si presentano con quarti di lattuga iceberg e condimento. Per Boomers che è cresciuto sulla roba, risale agli anni ’50 insieme a insalata di spam, polpettone, cocktail di frutta in scatola e ghiaccioli.

Con l’amore degli americani per la pasta, è stata solo una questione di tempo prima che emergesse l’insalata di pasta, apparendo per la prima volta come semplice insalata di maccheroni, lasciando il posto a versioni e componenti aggiuntivi più sofisticati.

Gli immigrati europei hanno portato le loro ricette di insalata di patate in America, sia fredde che calde, che hanno utilizzato la patata economica e facile da coltivare come base sostanziosa. L’Europa stava servendo insalata di patate già nel 1600, di solito mescolata con aceto, olio e pancetta, il precursore dell’insalata di patate tedesca, servita calda. (Nessun francese che si rispetti penserebbe nemmeno di usare la senape gialla come fanno gli americani.)

Dagli anni ’70, quando le insalate sono diventate di rigore, l’insalata modesta è diventata al centro della scena, non più un ripensamento accanto a un piatto principale. I supermercati presentano lattuga preconfezionata e fissaggi per insalata, mix di insalate di pasta in scatola e file di verdure e verdure colorate, tutti in attesa di essere vestiti. Non più considerato “cibo per conigli”, possiamo indulgere quasi ovunque. Quindi pancia fino al bar e scavare.

MXuVzms7iq

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Content is protected !!